Dosso di Costalta

La Valle dei Mocheni vista da Costalta

Il Dosso di Costalta è una piatta altura da cui si gode la vista di gran parte della Valle dei Mocheni. Ci torno sempre volentieri, stavolta l’occasione è una bella nevicata. E’ stata una precipitazione accompagnata da neve piuttosto pesante spinta da un forte vento, in quota mi aspetto di trovare gli alberi carichi di neve. Mentre salgo le nubi si diradano e il tempo sembra volgere al bello, sono fortunato: la luce non può che migliorare.

Abeti e Larici carichi di neve, salendo verso Costalta [20mm, F/11, 1/200, iso 100, mano libera].

Ho dei ricordi legati a questi luoghi; negli anni ’70 la Provincia di Trento era impegnata ad ultimare la realizzazione della sua rete stradale, adesso è facile e quasi scontato raggiungere in auto ed in breve tempo anche le vallate più periferiche del Trentino, perciò è strano pensare che fino al ’77 gran parte della Valle dei Mocheni, così prossima al capoluogo, era ancora priva di una strada di collegamento verso l’esterno. In quegli anni mio padre lavorava con una ditta di costruzioni stradali e stava realizzando la S.P. 135 che percorre la sinistra orografica del Fersina e collega i paesi e i masi mocheni con Pergine e la Valsugana.

Località “Le frate” [14mm, F/11, 1/200, iso 100, mano libera].

Per l’estate prese in affitto una camera con cucina e la nostra famiglia si trasferì là per potergli stare vicino. Frassilongo o Palù del Fersina sono a poco più di mezz’ora di strada dalla mia città, ma ai miei occhi (avevo solo 6 anni) parve, ma forse effettivamente era così, di entrare in un “altro Trentino”: un mondo in cui sopravvivevano ritmi e opere di un tempo passato.

Lungo il sentiero E404 [21mm, F/11, 1/320, iso 100, cavalletto, testa panoramica, funzione mask di PTGui].

Alloggiavamo al Maso Slompi, presto diventammo amici dei proprietari della casa: il capofamiglia A.S. aveva anche una stalla interamente in legno con il classico tetto di scandole, vi teneva le sue mucche, il cane (che mi sembrava enorme) e ovviamente, il maiale. Spesso mi era concesso seguire il padrone di casa o sua moglie in alcune delle loro attività quotidiane e così partecipai alla fienagione, imparai a mungere, vidi sbattere la panna nella zangola (>>) e assaggiai il burro appena fatto; talvolta le anziane donne mochene tornavano dal bosco indossando il tipico fazzoletto sul capo e portando un cesto pieno di mirtilli .

La neve spazzata dal vento crea accumuli dietro alle rocce sporgenti [14mm, F/11, 1/250, iso 100].

Ricordo abbastanza bene una domenica in cui andammo sulla cima del Dosso di Costalta. La vecchia croce di legno che allora segnalava il punto più alto è stata sostituita con da una enorme di metallo, stanotte il vento vi ha appiccicato la neve trasformandola in grossi cristalli di ghiaccio.

“Croce di vetta” [16mm, F/11, 1/250, iso 100, mano libera].

Verso sera il cielo si copre nuovamente di nubi sottili che scivolano sulla valle dei Mocheni provenendo da Est, scendiamo senza fretta, quando il sole raggiunge l’orizzonte le nevi del Fravort del Gronlait e del Sasso Rosso si colorano di una incredibile luce rosata.

Nei pressi di Malga Cambroncoi [85mm, F/4, 1/250, mano libera]

I commenti sono chiusi